Carlo Conti è tornato con i Migliori anni

Il Re dei giullari, il giullare dei Re è tornato. Carlo Conti è riapprodato con il suo programma i Migliori anni, in onda tutti i venerdì sera dal 28 aprile, sulla rete ammiraglia della televisione di stato, Rai 1. Ne si sentiva la mancanza ? La Rai sicuramente si ! E anche i telespettatori da quello che si evince dagli ascolti televisivi. La gallina dalle uova d’oro, in fatto di introiti pubblicitari, ha fatto e farà respirare ancora le casse amministrative della televisione pubblica.

Il merito è tutto di Carlo Conti e della sua conduzione, sia televisiva che autorale. Un talento, uno di quelli che il piccolo schermo negli ultimi decenni di sopravvivenza ne ha visti pochi. Potrebbe riscrivere anche la formula di lettura dei Telegiornali e fare bingo anche nell’informazione.

Perché tutto ciò ? Perché Carlo Conti ha quella marcia in più che altri non hanno.  Perché Carlo Conti, oltre che conoscere bene l’elettrodomestico, ci mette anche molta passione. La stessa che ebbe parecchi anni fa lasciando la scrivania del posto fisso per dedicarsi interamente alla professione del Dj, prima, e del presentatore, successivamente.

Di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia da allora ed il risultato è questo che viene premiato ogni qualvolta il toscanaccio si presenta in tv. Compagna anche in questa nuova edizione Anna Tatangelo, ma più che nuova edizione Conti tende a sottolineare : “Più che la prima del nuovo ciclo, per me è la 72/a puntata di un racconto che non si è mai interrotto: abbiamo iniziato otto anni  fa e non avremmo mai immaginato che stavamo dando vita a un format italiano esportato in tutto il mondo, dalla Spagna alla Russia. Tra le novità di questa edizione, ci divertiremo a chiederci ‘Cosa resterà dei Migliori anni’, mettendo nel carrello dei ricordi gli oggetti, i simboli che restano e che resteranno”.  

Una strada quella di Conti intrapresa già dalla conduzione di Domenica In per sfociare definitivamente nei “ Migliori anni “. Egli stesso mi confessò, in una serata al teatro Ariston di Sanremo, di voler inserire all’interno di Domenica In un richiamo alla musica nazionale e internazionale degli anni 70 / 80 / 90, cosa che fece anche successivamente anche nelle edizioni di Sanremo Estate da lui condotte con la preziosa collaborazione dietro le quinte del grande Sergio Bardotti.

I Migliori anni, quindi, rappresenta il risultato di un cammino, un percorso intrapreso dall’ex Dj in erba Carlo Conti. Non è il risultato della fatalità, del colpo di fortuna come molte trasmissioni tentano di fare oggi. E lo fanno sulle spalle dei telespettatori che si vedono imporre un programma non di loro gradimento. E di vittime illustri il giudizio del telecomando ne ha mietute parecchie anche in questa stagione televisiva. E naturalmente ne mieterà ancora anche nelle prossime, almeno fino a quando chi produce televisione penserà al divertimento e alla consapevolezza critica di chi la televisione la guarda e non di coloro che la fanno.  


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .