Jean Reno

Jean RenoQuando si pensa al grande  Jean Reno, forse per la sua imponenza e per i tratti severi del viso, si immagina un uomo burbero dai modi bruschi e invece l’attore francese sorprende per la sua affabilità coinvolgente e un sorriso che demolisce ogni preconcetto. In Italia per girare il thriller La ragazza nella nebbia esordio alla regia dello scrittore Donato Carrisi con Toni Servillo, è un uomo che ama la terra, ama l’italia, di cui parla qualche parola, il buon cibo e soprattutto gli ulivi, retaggio delle sue  origini andaluse come tiene bene a precisare, mentre racconta, con entusiasmo, la passione per la terra delle Alpilles, in Provenza , terra dai colori forti, da chilometri di dune incontaminate, dal vento profumato. Una terra che ha due anime, una spagnola e una francese, esattamente come Jean Reno.

 

 “ E’ per questo che amo tanto questa regione.  Nei colori, nelle abitudini, nelle tinte forti, nella passione delle persone, nei sapori del cibo, nel maestrale, c’è tutto il ricordo della mia terra. Ho una casa nelle Alpilles da più di ventitré anni, sono molto legato a questi luoghi e alla gente del posto.”  

E’ vero che lei coltiva ulivi come nel film Un Estate in Provenza con Anna Galiena, che è uscito la scorsa stagione?

“ E’ vero! Li coltivo e li amo da pazzi. L’ulivo è un albero che ha in sé il senso della bellezza della vita e che rappresenta la pace. Ci dona l’olio, le olive, fa bene alla pelle, e fa mangiare le mie capre che così producono un formaggio molto buono. E’ un albero magnifico”.

Molti uomini si sentono eternamente giovani. Lei come vive la sua età ?

“Bene, mi rifiuto di usare il botox e di stirarmi la pelle. Ci sono attori che diventano folli. Che si fanno fare qualunque cosa per tornare giovani. Non giudico nessuno, ognuno fa quello che vuole, però penso che bisogna vivere bene ogni età, accettandosi e godendosela, sempre! “

Lei ha sei figli di un‘età compresa fra i trentotto e i cinque anni, è questo che la mantiene giovane.

“Assolutamente. Sono molto presente con loro e anche i più piccoli adorano stare tutti insieme.I miei figli mi costringono benevolmente, ad essere sempre “attuale.”

Di recente è diventato nonno?

“Ho un nipotino di due anni e mezzo. E’ bellissimo, e purtroppo poiché vivo a New York da nove anni e lui a Parigi con mia figlia, lo vedo poco ma ogni occasione è buona  per spupazzarmelo, coccolarlo.”

Che ragazzo è stato Jean Reno?

“La mia unica passione era il teatro. Ho cominciato a praticarlo a dodici anni quando arrivai a Parigi con la mia famiglia scappando da Casablanca. Il mio modello era Vittorio Gassman, affascinante, grande attore sia in ruoli brillanti che drammatici, anche Mastroianni mi piaceva ma lui era troppo bello perché potessi identificarmi con lui ( lo dice in perfetto italiano)”.

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .